sabato 3 aprile 2010

bacco chiama, il poeta risponde

Francesco Pasquale

 

De tuti i tenpi vorìa ver savude

De tuti i tenpi vorìa ver savude
tute łe graspe che łe xe stade bevude:
Graspe d'amor pa' negare i spiaxeri,
Graspe incolor pa' senbrare men seri,
Graspe versà pa' i putełi maładi,
Graspe svodà pa' i amighi inveładi,
Graspe svendù pa'l dì dopo pentirse,
Graspe tegnù invecià pa' łenirse,
Graspe łexiere pa' i sforçi chietare,
Graspe pì nere pa' i santi indegnare.
E co' che vô dirve deso scoltè:
Bevì! Bevì ancora! Fin che ghe n'è!
Françesco Pasquałe
- Primi de avril 2010

uiy

Di tutti i tempi vorrei aver sapute
Tutte le grappe che furon bevute:
Grappe d'amor per annegar i dispiaceri,
Grappe incolor per sembrare meno seri,
Grappe versate per i bimbi malati,
Grappe svuotate per gli amici interrati,
Grappe sprecate per il dì dopo pentirsi,
Grappe tenute invecchiate per lenirsi,
Grappe leggere per gli sforzi acquietare,
Grappe più nere per i santi indignare.
E di ciò che voglio dirvi ora ascoltate:
Bevete! Bevete ancora! Fin che ce n'è!

- in italiano è orribile! o.O -

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...